cappello lana

Tiro fuori l’amore dal cilindro

No, non sono diventata un mago e nemmeno aspiro ad esserlo, ma guardandomi intorno mi rendo conto sempre più che essere sposati e portare avanti un progetto di vita a due ha davvero qualcosa di magico e spettacolare… come tirare fuori l’amore dal cilindro.

Ahimè oggi sta diventando tutto molto più semplice, la separazione in 30 giorni se non si hanno figli, il cessato obbligo di fedeltà… ma io penso che ci sia molto di più, che un matrimonio sia molto di più di un semplice “stiamo insieme finché non ci stanchiamo”. E’ un progetto di vita, una scelta, che non prevede vie di fuga, perché la migliore via d’uscita è quella insieme, per mano, più forti di prima.

La facilità con cui si offrono scappatoie dal matrimonio mi mette una tristezza infinita, non tanto per le scelte di vita altrui, ma perché penso si stia andando sempre di più verso una società che si de-responsabilizza da tutto. E’ tutto più semplice, più facile, più veloce… Un “ma sì dai, oggi mi sposo perché mi va, tanto domani se mi stanco, ci metto poco a chiudere tutto”. Ma con questi presupposti il senso stesso del matrimonio, per me, viene meno. Ho fatto questa scelta sei mesi fa con la consapevolezza di chi sa che difficoltà o felicità, scontri o coccole, parole forti o complimenti, ovunque andremo, lo faremo insieme. Sarà dura, ci saranno momenti dove lasciar scorrere non sarà facile, dove si perderà un po’ il senso di tutto, ma la responsabilità, sì, la responsabilità verso la scelta fatta, ma soprattutto il rispetto e l’amore per la persona che si è scelto di avere al proprio fianco faranno trovare la forza per affrontare tutto e trovare una soluzione insieme.

E’ sempre molto semplice scappare dai problemi, anche per cose per cui ne vale la pena… Certo, uno mi può dire, “ma tu la scappatoia puoi scegliere se prenderla o meno, nessuno ti obbliga”, ma io penso che certe volte bisognerebbe dare comunque più valore alle cose e far capire alle persone che le scelte comportano responsabilità, forza e coraggio e che vanno prese con coscienza, non lasciare che tutto venga affrontato con superficialità, perché tanto poi c’è sempre la scappatoia.

E così sì, anche se è passato ancora poco tempo dal giorno del nostro matrimonio, io, ogni singolo giorno, ogni singolo istante, mi sento come un piccolo mago che tira fuori l’amore dal cilindro. Tra una quotidianità che spesso appiattisce e ritmi che fanno perdere il senso delle cose, noi ci fermiamo e cerchiamo di costruire con forza il nostro NOI, senza arrenderci mai.

***

E per restare in tema di cilindri -anche se in questo caso direi che si tratta assolutamente di un berretto 🙂 -, ecco quello che ho realizzato per il mio maritino… in lana, caldo, con i colori che piacciono tanto a lui, fatto con tutto l’amore possibile.

cappello lana

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *